Permessi non retribuiti nel M.U.T.

Ferie e permessi non retribuiti

Permessi non retribuiti, Ferie e Permessi Retribuiti nel M.U.T.: indicazioni fondamentali per la compilazione degli Edili.

Di comune accordo a livello sindacale è stato deliberato nel contratto collettivo nazionale del lavoro il limite massimo per ogni Operaio, annualmente, il Limite che può essere inserito all’interno del Modulo Unico Telematico (M.U.T.) delle ferie e permessi non retribuiti e permessi retribuiti.

Il M.U.T. è il servizio messo a disposizione dalla Commissione Nazionale delle Casse Edili per consentire la trasmissione delle denunce periodiche, tramite la rete Internet, alle singole Casse Edili aderenti. L’accesso al M.U.T è riservato alle aziende iscritte ed ai consulenti accreditati presso le Casse Edili. 

Si tratta di campi che contengono le causali di assenza normalmente contemplate al’interno del LUL. Per alcuni di essi verrà impostato un “contatore” che evidenzia il superamento del limite massimo consentito da leggi o contratti, mentre per altri si procederà a richiedere documentazione per le opportune verifiche. Per offrire un maggior servizio ai Ns utenti che ci seguono e per evitare incomprensioni in sede di invio dei MUT o di verifiche documentali, mettiamo in evidenzia i nuovi campi ed i controlli connessi :

  • FERIE

Ad inizio anno il contatore viene valorizzato con 160 ore. Il MUT segnalerà l’eventuale superamento di tali ore e, pur permettendo l’invio della denuncia, la Cassa Edile richiederà il LUL, per aggiungere a tali 160 ore eventuali ore di ferie maturate e non godute relative ad anni precedenti. Al superamento delle ore complessive di ferie, il MUT porrà le ore in eccedenza tra le ore sanzionabili e vi calcolerà la percentuale contributiva vigente.

  • PERMESSI RETRIBUITI

Ad inizio anno il contatore viene valorizzato con 88 ore. Il MUT segnalerà l’eventuale superamento di tali ore e, pur permettendo l’invio della denuncia, la Cassa Edile richiederà il LUL, per aggiungere a tali 88 ore eventuali ore di permesso maturate e non godute relative all’anno precedente. Al superamento delle ore complessive di permessi, il MUT porrà le ore in eccedenza tra le ore sanzionabili e vi calcolerà la percentuale contributiva vigente.

  • PERMESSI NON RETRIBUITI

Per ciascun lavoratore saranno ammesse al massimo 40 ore di permessi non retribuiti e non soggetti a contribuzione. Il MUT segnalerà l’eventuale superamento di tali ore e, pur permettendo l’invio della denuncia, porrà le ore in eccedenza tra le ore sanzionabili e vi calcolerà la percentuale contributiva vigente.

Per celerità ed economia, la Cassa Edile potrà effettuare le richieste a mezzo e-mail all’impresa ed al consulente che ha inviato il MUT. Trascorsi inutilmente quindici giorni dall’e-mail di richiesta documentazione, per la specifica di Ferie e permessi non retribuiti, la Cassa Edile calcolerà i contributi sulle ore di assenza per le quali non ha potuto effettuare i controlli. Eventuali incongruenze rilevate saranno oggetto di richiesta di ulteriore documentazione che, se ritenuta dalla Cassa Edile insufficiente, comporterà l’addebito dei contributi relativi alle ore in questione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi