Articoli

Conciliazione in materia di Lavoro

I tentativi di conciliazione in materia di lavoro dopo il Collegato  Lavoro

Conciliazione in materia di Lavoro

Il tentativo di conciliazione ritorna ad essere facoltativo, così come lo era ante D.Lgs. n.80 del 31 marzo 1998. Infatti, con l’entrata in vigore del Collegato lavoro non esiste più la propedeuticità della procedura conciliativa ed il proponente può adire direttamente dinanzi al giudice del lavoro per far valere i propri diritti senza intraprendere la procedura conciliativa, prevista dall’art. 410 e ss del codice di procedura civile, ed attendere i 60 giorni previsti dalla precedente normativa. 

Prima di promuovere in giudizio una domanda relativa ad un rapporto di lavoro, viene data la possibilità al proponente di demandare la definizione della controversia ad una Commissione di conciliazione presente presso le Direzioni Provinciali del Lavoro, ciò può avvenire anche per il tramite dell’associazione sindacale alla quale aderisce o conferisce mandato.
In definitiva, il tentativo ora è su base volontaria e le parti hanno il potere e non il dovere di rivolgersi a questa Commissione di conciliazione, potendo, per converso, appellarsi direttamente al tribunale per vedere risolta la problematica lavorativa.
Altra modifica sostanziale – e sicuramente rilevante – è l’equiparazione della procedura conciliativa sia per i rapporti di lavoro tra privati che per quelli con la Pubblica Amministrazione. La disposizione è stata prevista dal co. 8, dell’art.31 del Collegato Lavoro, che ha abrogato gli artt. 65 e 66 del D.Lgs. n.165/01, affermando che per le controversie individuate dall’art. 63, co. 1, del D.Lgs. n.165/01, si applica “in toto” la normativa del settore privato. In considerazione dell’abrogazione degli artt. 65 e 66, con l’entrata in vigore del Collegato lavoro verrà meno il Collegio di conciliazione presso le Direzioni Provinciali del Lavoro, previsto per le controversie in materia di pubblico impiego.

Mettiamo a disposizione i modelli della Dpl di Roma :

  1. Modello Richiesta Conciliazione Ordinaria ;
  2. Modello Memoria della parte convenuta ;
  3. Modello Richiesta di Conciliazione con Accordo .