Articoli

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza : Comunicazione Online

La figura del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Un modello innovativo di prevenzione si basa anche sulla collaborazione dei lavoratori, quali soggetti che attraverso i loro rappresentanti per la sicurezza sono coinvolti attivamente nella programmazione della sicurezza. Il D.Lgs. 626/94 introduce il ruolo di RLS, ricoperto da un lavoratore che viene eletto o designato dai suoi colleghi. Il decreto stabilisce che nelle aziende con più di 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza sia eletto o designato dai lavoratori nell’ambito della Rappresentanza Sindacale Aziendale, ove prevista, mentre per le imprese al di sotto di 15 dipendenti viene eletto direttamente dai lavoratori al loro interno. Nel caso di aziende sino a 15 dipendenti, inoltre, questa figura può essere individuata per più aziende nell’ambito territoriale o del comparto produttivo, anche nell’ambito delle rappresentanze sindacali, così come definite dalla contrattazione collettiva di riferimento.

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Le attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza prevedono:

  • formazione ore 32;
  • libertà di accesso ai luoghi di lavoro;
  • informazioni e documentazioni sulla valutazione dei rischi;
  • possibilità di promuovere iniziative atte a tutelare la salute dei lavoratori;
  • adeguata formazione a carico del datore di lavoro e durante l’orario di lavoro;
  • il suo parere sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione;
  • osservazioni in caso di visite delle autorità competenti;
  • segnalazione al responsabile dell’azienda dei rischi individuati;
  • partecipazione alla riunione periodica di prevenzione con eventuali richieste di convocazione.

Inoltre, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza deve essere preventivamente consultato per:

  • la predisposizione e l’aggiornamento della valutazione dei rischi;
  • l’individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione;
  • la designazione degli addetti al servizio di prevenzione, di pronto soccorso e di evacuazione dei reparti;
  • l’organizzazione della formazione e informazione dei lavoratori.

Il numero dei Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza deve essere stabilito dalla contrattazione collettiva, ma se ciò non dovesse accedere la legge predetermina il numero minimo di rappresentanti per la sicurezza che deve avere un’azienda in rapporto al numero di dipendenti:

  • 1 rappresentante con meno di 200 lavoratori;
  • 3 rappresentanti da 201 a 1000 lavoratori;
  • 6 rappresentanti con più di 1000 dipendenti.